Home / La nuit americaine

La nuit americaine

La nuit américaine, Day for night, l’effetto notte come tecnica cinematografica che consente di girare di giorno un’ambientazione notturna. Una mistificazione cinematografica che è l’essenza della settima arte. Cos’è infatti il cinema se non una finzione con cui divertirsi?

La nuit americaine è anche un film di Francois Truffaut e il mio viaggio nella New York Day for Night.

 

————————————————————————————————————————————————————————————————-

Naked before the Camera

Se amate la fotografia e siete a New York, non potete non andare al Metropolitan Museum of Art, il Met, sul lato est di Central Park, perchè oltre ad essere uno dei musei più grandi al mondo (è davvero un labirinto e infatti mi sono persa, non riuscivo più ad uscire: dopo l’arte greca, il Caos) hai anche la possibilità di entrare gratis o quasi. Infatti tutti i giorni vige il Pay what you wish: puoi pagare quello che vuoi, anche 1 $, però il prezzo consigliato è 25 $ per gli adulti. Insomma molto democratico e popolare che la cultura sia accessibile a tutti.

Ogni anno il Met ospita delle mostre fotografiche e quest’estate mi sono imbattuta in una deliziosa: Naked Before the Camera, ovvero un percorso visivo con scatti di nudi dalla seconda metà dell’800 fino ai giorni nostri. LEGGI TUTTO

———————————————————————————————————————————————————————————————-

Io, Woody e la panchina sul Queensboro Brigde

Ci sono luoghi che raccontano storie. Il più delle volte entrano nei tuoi occhi quasi per caso, in modo improvviso, e alla fine rimangono impressi come fotogrammi nella tua memoria senza che nemmeno te ne accorgi. Altre volte, molto più raramente, i luoghi ti regalano suggestioni deflagranti e inizi a vivere insieme a loro quelle storie che lì sono accadute.

New York è uno di questi luoghi. Ogni strada, ogni ponte sul Hudson River, ogni diner o parco pubblico, ha in sè qualcosa da raccontare, come se la città fosse un set perfetto e meraviglioso in cui girare storie reali e racconti immaginari. Non a caso la Grande Mela è stata raccontata dai più grandi registi e dal mio preferito in particolare: quel genio con gli occhiali un po’ da nerd e l’aspetto dimesso che è Woody Allen. LEGGI TUTTO